FOTO

FOTO

CIAO PIERMARIO

Dopo la Pasqua, la cortesia delle Tigri e la sconfitta di Gallarate, dopo la bella vittoria di oggi e il bel carattere dell’Atletico, dopo l’aver ritrovato come arbitro il figlio del finanziere-giustiziere a Bregano che è sulle tracce del suo papi (male che gli vada scriverà il terzo saggio sulla storia del calcio), avrei voluto scrivere altre righe: di “carne al fuoco” ce n’era in abbondanza.

Ma la tragedia di Pescara mi lascia senza parole, con la testa piena di "strani" pensieri.

E mi fa riflettere di come sia sottile e delicata la linea che divide la vita e la morte, il divertimento e la disperazione.

Quel divertimento che predico ai miei ragazzi, lo stesso divertimento che riempie le serate d'allenamento e anche i nostri sabato pomeriggio.

Ciao Piermario, la bella vittoria di oggi dell'Atletico è stata il nostro inconsapevole ultimo saluto.

Il Press

3 commenti:

  1. io portanto sempre un pensiero al giocatore....dico...i giocatori, hanno croce rossa ,medici,macchinari che ti potrebbero salvare.... eppure purtroppo muoiono!e se capitasse a noi del CSI una cosa del genere che abbiamo solo una bomboletta di ghiaccio?? se ci penso mi vien voglia di lasciare il calcio!

    RispondiElimina
  2. Gli amici finanzieri16 aprile 2012 16:39

    bravo Pres!

    RispondiElimina
  3. La gente come noi non mollerà mai il calcio, non smetterà mai di correre dietro a quel pallone, fino a quando il nostro fisico ce lo permetterà, come ha fatto Mario, fino all'ultimo secondo e più...
    è una passione, un credo, uno sfogo, uno stare insieme e un divertimento...
    Oggi l'ultimo saluto a un ragazzo come noi.
    Non smettiamo di rincorrere il pallone, di lottare per vincere, di prenderci a sportellate e di ridere, non smettiamo per Mario, 25 per sempre.

    THE PES

    RispondiElimina